Aspazialità di Dio


La "aspazialità" è una categoria usata dalla teologia per parlare dell'immensità, incommensuralità e onnipresenza di Dio, che Egli non è limitato dallo spazio come lo siamo noi, ma che Egli travalica lo spazio, non ne è limitato e che ne è sovrano.

Così come Dio si pone al di là (al di sopra) del tempo, Dio si pone al di là dello spazio, non può essere ristretto dalle categorie spaziali che caratterizzano la materia creata. Il rapporto di Dio con lo spazio è diverso dal nostro. Noi siamo limitati dal nostro corpo ad occupare una certa porzione di spazio, Dio no. Il tempo, costo e sforzo di viaggiare limitano la nostra capacità di visitare luoghi diversi. Questo non vale per Dio. Come Dio è sovrano sul tempo, Egli è sovrano sullo spazio. Il principale significato biblico dell'immensità di Dio è la Sua aspazialità. Il punto non è che Dio è escluso dallo spazio, ma che Egli sovranamente lo controlla. Egli non è nello spazio come se lo spazio fosse una sorta di scatola che lo confina.